The Division “rifare da capo per riparare la versione PC”

0
Un programmatore ha affermato che occorrerebbe rifare da capo The Division per risolvere il gran numero di errori della versione per PC.

Glenn Fielder, ex sviluppatore con esperienza in aziende come Sonyg, Respawn, Irrational e Pandemin, crede che l’unica soluzione possibile per gli errori presenti nella versione PC di Tom Clancy’s The Division, sarebbe riscrivere completamente il codice del gioco da capo, stando a quanto ha dichiarato a MCV.

Tom Clancy's The Division

Tom Clancy's The Division

by Ubisoft [Ubisoft]
Rank/Rating: 549/-
Price: EUR 18,54

Durante le ultime settimane, Tom Clancy’s The Division ha fatto un gran parlare di sé a causa degli errori e “bug” che permettevano ai giocatori di approfittare di errori di programmazione. Fielder crede che molti di questi problemi potrebbero essere risolti in modo semplice, ma crede che ci sia un errore di concepimenti più profondo intorno alla versione del gioco su PC. “Molte persone si lamentano dei trucchi presenti in Tom Clancy’s The Division, specialmente su PC. Molti di questi glitch possono essere risolti, ma ci sono altri che hanno un’apparenza ben peggiore”.

Fielder si riferisce al video che abbiamo allegato alla notizia, che mostra un client di gioco che permette di alterare alcune linee di codice per introdurre trucchi in Tom Clancy’s The Division, che offrirebbero al giocatore la possibilità di avere vita infinita, munizioni infinite e la capacità di tele trasportarsi da un posto all’altro.

Il veterano programmatore crede che occorrerebbe usare un client più affidabile per Tom Clancy’s The Division, dato che sarebbe necessaria una riscrittura completa per garantire la sicurezza di tutti gli utenti che giocano senza avere problemi con gente che approfitta di questi errori. Fielder inoltre afferma che si tratta di un errore di concepimento e programmazione che si ripete dai tempi di Quake.

Via|MCV

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.