Mostrati i prototipi dei Guardiani, Colossi Sacri e molto altro di Zelda Breath of the Wild

0

In The Legend of Zelda: Breath of the Wild abbiamo fatto la conoscenza dei Guardiani, automi costruiti con tecnologie ancestrali e sottomessi dalla magia oscura di Ganon. Ora, grazie al libro “Master Works 30th anniversary”, uscito lo scorso Dicembre e disponibile solo in lingua giapponese, possiamo ammirare il loro aspetto nei bozzetti del primo periodo di sviluppo.

Clicca l’immagine per ingrandirla!

Si può subito notare come i loro prototipi fossero davvero inquietanti: creature con becco e corpo sottilissimo, un aracnide con tanti occhi circondati da catene, un granchio con due diversi tipi di chela e quello che sembra un teschio con gambe e braccia. Tra l’altro, le loro dimensioni dovevano essere enormi, se confrontate con Link nella stessa immagine. Non sembrano avvicinarsi molto all’idea di macchine costruite dagli Sheikah, ma piuttosto a mostri alieni provenienti da un altro pianeta o dimensione. Si potrebbe supporre, quindi, che la stessa storia di Breath of the Wild, inizialmente, era stata pensata con toni molto più cupi, avvicinandosi all’atmosfera di Majora’s Mask e Twilight Princess.

Andando avanti con lo sviluppo del gioco, come potete vedere nell’immagine qui sotto, i Guardiani hanno man mano assunto la fisionomia e le caratteristiche sempre più vicine alla versione finale.

Sarebbe interessante scoprire come esseri così terrificanti avrebbero interagito col mondo di gioco. Possiamo immaginare un loro ruolo simile a quello attuale degli Hinox o Sassorok, ovvero dei boss in specifici punti della mappa a cui, ad esempio, dover tagliare i lunghissimi arti per farli cadere a terra, per poi raggiungere il loro punto debole. Non è da escludere, inoltre, che potrebbero essere presi nuovamente in considerazione per un futuro titolo della saga, magari proprio un diretto sequel di Breath of the Wild.

Nello stesso libro sono presenti anche le prime idee riguardanti i Colossi Sacri, i maestosi animali meccanici pilotati dai Campioni di Hyrule. Come potete vedere, le ipotesi erano un granchio, una manta ed un grande pesce, ma sono presenti anche design molto più articolati come un mostro di fuoco, una specie di ufo e addirittura un quadrupede con la testa a forma di gru!

Clicca l’immagine per ingrandirla!

Continuando a sfogliare, troviamo anche tanti, bellissimi scorci di luoghi e paesaggi di Hyrule. In ordine, ecco i primi schizzi della Città dei Goron, il Borgo dei Rito, un poetico assaggio di come era la città di Hyrule prima di venire distrutta dalla Calamità Ganon e il laboratorio di Akkala con un divertente Guardiano all’entrata con la faccia sorridente!

Per finire, troviamo anche diversi personaggi che sono cambiati molto nel corso del tempo. Ad esempio, avremmo potuto incontrare un guerriero Sheikah con la stessa tenuta che dona più furtività a Link, versioni alternative dei più importanti esponenti del popolo degli Zora, un nuovo tipo di avversario ancestrale oppure un bizzarro scienziato Rovely . Tra i concept più particolari, comunque, ci sono sicuramente un personaggio con le sembianze di Buddha che fuoriesce da una fontana per offrire conforto all’eroe e addirittura una divinità equina molto alla moda!

Che ne pensate? Vi sarebbe piaciuto vedere queste idee prendere vita nel gioco?

L'articolo Mostrati i prototipi dei Guardiani, Colossi Sacri e molto altro di Zelda Breath of the Wild proviene da Pokémon Millennium.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome