Mark Wahlberg voleva aumentare di peso in modo “sano”.

0

Mark Wahlberg ha cercato di ingrassare 30 libbre in “modo sano” per il suo ruolo in “Padre Stu”.

L’attore 50enne è noto per il suo fisico tonico e il rigido regime di allenamento, ma aveva bisogno di accumulare chili per interpretare il pugile diventato sacerdote Stuart Long nel nuovo film, che è basato su una storia vera, e sebbene inizialmente consumasse 7.000 calorie al giorno, salendo a 11.000 per le ultime settimane di riprese, per farlo non voleva solo rimpinzarsi di cibi grassi e zuccherati.

Ha detto a CBS Sports: “Mi piacerebbe sedermi qui e dire – sai, i biscotti con gocce di cioccolato sono i miei preferiti – quindi mi piacerebbe dire che alla fine della giornata ho mangiato dei biscotti con gocce di cioccolato e del vino, ma ho dovuto mangiare e consumare così tante calorie e ho cercato di fallo in modo sano, che quando è arrivato il momento di mangiare un piccolo pasticcio, non volevi fare nient’altro che semplicemente sdraiarti. Voglio dire, è stato così brutto. Ma il viaggio — il viaggio spirituale, il viaggio fisico — erano una parte così critica s alla storia.”

Mark aveva già interpretato il pugile Micky Ward in “The Fighter” del 2010 e ha ammesso che la preparazione che ha intrapreso per quel film è stata molto utile quando si è trattato di prepararsi per il suo nuovo film .

Ha detto: “Mi avvicino ancora a ogni film che faccio da atleta. cerco sempre qualcosa che devo fare fisicamente per prepararmi, oltre a imparare le mie battute e diventare il personaggio.

“Mi avvicino sempre come se dovessi essere pronto prima di arrivarci, quindi quando è il giorno della partita, tutta la preparazione mi ha preparato, posso buttare tutto questo fuori dalla finestra e reagire a qualunque cosa stia succedendo in quel momento.

“Ma sì, certamente i sei anni di allenamento e boxe per interpretare Micky Ward, e tipo di tornare alla stessa routine con lo stesso gruppo di persone.”

E fare ‘Father Stu’ ha acceso il desiderio di Mark di tornare per un sequel di ‘The Fighter’.

Ha aggiunto: “Veramente , ora abbiamo iniziato ad avere le prime conversazioni sul fare “The Fighter 2″, che so di essere sul punto di essere troppo vecchio, ma sarebbe molto più un ritorno al flashback di Micky Ward-Arturo Gotti trilogia, ma davvero incentrata sulla relazione e sul legame che si è formato attraverso le battaglie e su come sono diventati fratelli.”

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.