Google Foto aggiunge la modalità ritratto per vecchie foto di cibo, animali domestici e molto altro e, sì, è molto realistico

0

Il nuovo aggiornamento di Google Foto porta una funzionalità interessante per gli amanti della modalità ritratto, anche se dovrai soddisfare due condizioni per poterla utilizzare.

La modalità ritratto o sfocatura è diventata la mania per i telefoni cellulari alcuni anni fa. Ed è che le diverse aziende hanno iniziato a integrare questa funzione che simula il bokeh naturale degli obiettivi delle fotocamere . All’inizio era necessaria una fotocamera con un teleobiettivo e anche fino a due fotocamere.

Oggi, e grazie ai progressi dell’intelligenza artificiale, tutto ciò che serve è l’applicazione Google Foto installata su mobile. La novità che è arrivata a questa applicazione da Mountain View permette alla modalità ritratto di essere presente in tutti i tipi di fotografie, indipendentemente da come sono state scattate .

Fino ad oggi questa sfocatura fittizia era riservata solo alle persone, ma Google ha fatto un ulteriore passo avanti e lo ha portato sia agli animali che agli oggetti (cibo piatti) e piante. Naturalmente, questa nuova modalità all’interno di Google Foto ha un trucco ed è che non tutti gli utenti potranno accedervi.

L’abbiamo testata per vedere se funziona come dicono e l’abbiamo fatto con un selfie. In questo selfie puoi vedere come la foto non abbia nessun tipo di sfocatura e come entrando in Google Foto, questo si aggiunge premendo un paio di pulsanti che compaiono nel menu.

Il risultato è abbastanza riuscito, e il fatto è che la sfocatura si vede, è molto realistica e raggiunge quasi il livello di ciò che si può fare con la sfocatura naturale dei telefoni cellulari. Infatti nel test che abbiamo fatto vi mostriamo tre fotografie scattate sia senza la sfocatura, con la sfocatura mobile e con l’effetto Google.

Dov’è il problema di cui abbiamo parlato all’inizio? In quanto questa funzione è disponibile solo per due tipi di utenti: quelli che hanno un telefono Google Pixel come quelli che sono arrivati ​​di recente nel nostro paese o coloro che sono utenti paganti di Google One. Dai, in entrambi i casi devi passare attraverso la casella di Google.

È piuttosto deludente che Google stia scommettendo su una funzionalità di questo style, ma fallo attraverso un paywall. Bisognerà aspettare per vedere se gli utenti decideranno di scommettere sulla modalità sfocatura totale di Google Foto anche se dovranno pagare per questo. Al momento l’aggiornamento sta già raggiungendo utenti che soddisfano le due condizioni citate .

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.