CounterSpy – Recensione

0

CounterSpy è uno dei giochi gratuiti della instant collection PlayStation Plus di marzo. Volete sapere cosa vi aspetta in quest’avventura indie di spie?

Counterspy

CounterSpy ci trasporta in una Guerra Fredda alternativa in cui due nazioni fittizie, ma ispirate (e con parecchio umorismo) nelle due potenze reali del conflitto,  competono in una corsa al nucleare con un obiettivo piuttosto stravagante: essere i primi a distruggere la luna con un missile.

Con questa premessa, e con la missione di salvare l’amato satellite, in CounterSpy ci caliamo nei panni di una spia che dovrà infiltrarsi nelle basi di entrambe le potenze per boicottare i loro piani realizzando alcuni obiettivi come rubare documenti o piani vitali per i loro progetti.

Con un’estetica retro ispirata agli anni 50/60 e una storia piena zeppa di cliché chiaramente ispirati ai film di spionaggio degli anni 80, CounterSpy  si sviluppa quasi totalmente in 2D, perciò nelle diverse missioni (che vengono generate in modo casuale) dovremmo avanzare lateralmente mentre dimostriamo le nostre abilità come agente speciale.

Counterspy
La schermata che ci permette di decidere che fazione attaccare e ci mostra anche il livello DEFCON (scala numerata da 5 a 1)

Tra queste, una delle abilità che più dovremmo usare in CounterSpy è lo stealth, dato che lo sviluppo, lungi dall’incentrarsi sull’azione, ci costringe a pensare accuratamente ogni passo in livelli pieni di pericoli costituiti da camere di videosorveglianza, nemici e alcuni semplici puzzle.

Come insegna il manuale della buona spia, passare totalmente inosservato è vitale per il successo della nostra missione in CounterSpy e, quando saremo scoperti, aumenterà il livello di attenzione (DEFCON nel gioco), il che ci costringe a prestare molta attenzione per evitare di ricominciare il livello.

Ovviamente, e per via della natura della nostra missione, ogni tanto ci toccherà affrontare qualche sparatoria, che farà cambiare completamente le dinamiche di gioco.

Quando ci ripareremo dietro una copertura la telecamera ruoterà per posizionarsi alle spalle del protagonista, permettendoci in questo modo di puntare con precisione i nemici e portando momentaneamente lo sviluppo di CounterSpy sull’azione.

Counterspy
Questa è l’inquadratura che Counterspy ci proporrà durante le sparatorie

Questa combinazione di fasi in stile Metroidvania, sparatorie in terza persona, ambientazione film di spionaggio e altri elementi, come un semplice sistema di potenziamenti, fa in modo che CounterSpy riesca ad intrattenere fin dal primo minuto, sebbene il gioco presenti alcuni problemi.

Uno dei principali problemi è, come accade solitamente nei giochi indie, la durata. Completare CounterSpy ci occuperà circa 3 ore, rendendolo un’esperienza piuttosto breve.

Counterspy

Ad ogni modo, e soprattutto ora che potete giocarlo senza nessun costo extra se siete abbonati PS Plus, il titolo, sviluppato da Dynamyghty, è capace di offrire buoni momenti e vale la pena di dare un’occhiata al suo comparto estetico. Non perdetevelo!

Conclusione

CounterSpy offre un divertimento diretto e senza troppe complicazioni ed eccelle nella cura del suo comparto artistico ispirato ai film anni 80 di spionaggio, anche se la sua scarsa durata e l’eccessiva linearità gli sottraggono molti punti.

CounterSpy

7.1

Durata

6.0/10

Grafica

8.0/10

Giocabilità

7.5/10

Sonoro

7.0/10

Pro

  • Misto tra 2D e 3D
  • Umorismo
  • Ispirazione anni 80

Contro

  • Durata
  • Ripetitività
  • Linearità

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.