The Order: 1886, l’opinione di Cliff Bleszinski

0
Il noto produttore ha giocato a The Order: 1886 e ha voluto condividere le sue impressioni su Twitch e sul proprio account Twitter.

The Order: 1886 è ormai nei negozi e dopo la pubblicazioni delle recensioni è esplosa la polemica. Che succede con l’attesissimo gioco di Ready at Dawn? Cliff Bleszinski, creatore di Gears of War, ha voluto esprimere la propria opinione sul gioco dei cavalieri di Re Artù. Bleszinski è considerato uno dei padri fondatori del genere shooter con coperture, e dopo aver giocato la prima ora dell’esclusiva PlayStation 4 assieme al veterano Arjan Brusee, ha voluto condividere le proprie riflessioni su The Order: 1886 attraverso il proprio account Twitter e attraverso Twitch. Il produttore ha parole di elogio per la grafica del gioco, ma critica l’eccessivo uso di QTE e spiega il suo punto di vista nel combattimento.

The Order: 1886

«Non lo so, è fottutamente vistoso, le animazioni sono geniali. Ma come sviluppatore che ha un suo studio, penso sempre ai soldi che costa creare i giochi. Semplicemente vedo questo come un’esperienza fottutamente grande in cui i soldi sarebbero potuti essere spesi in altri modi per ottenere un miglior risultato per dollaro. Ma lo sapete già, Sony ha bisogno di vendere console. Io lo chiamo sempre il modo di giustificare un sistema. Guarda come si vede. Si vede chiaramente molto meglio che su PlayStation 3, e questo era il loro obiettivo.

Non riesco a fare tutte le sequenze, ragazzi. Probabilmente gli darò un’altra opportunità, c’è un sacco di gente che si è fatta tutto il gioco, e io spero di non offendere nessuno col mio commento. Mi sono divertito. Spero che non mi diate un pugno se ci incontriamo alla GDC. Le meccaniche degli spari sono abbastanza buone per quello che è. Il problema dell’IA… Avevamo un contatore nella saga Gears che faceva in modo che se i nemici rimanevano dietro una copertura, in un certo momento, uscivano di corsa verso di te, in questo modo c’era una certa tensione».

Infine, Arjan Brussee e Belszinski hanno espresso la propria opinione circa la linea cinematografica che stanno prendendo alcuni giochi. «Questa industria è insicura circa Hollywood ma vuole essere Hollywood… L’unico modo di convincere i dirigenti per farti dare i soldi e diano luce verde alle produzioni è fare giochi che sembrino film e impressionino. Onestamente, questo è il motivo per cui i giochi sono sempre più cinematografici».

Dopo la trasmissione su Twitch in cui abbiamo raccolto queste dichiarazioni, Bleszinski ha commentato tramite il proprio account Twitter che era sopraffatto dalle scene cinematiche, che i QTE non erano così male e che The Order: 1886 era molto appariscente.

Al momento Cliff Bleszinski sta lavorando al suo nuovo progetto. BlueStreak.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.