Logan Paul condivide con questo messaggio che la sua scatola Pokémon JCC per la quale ha pagato 3,5 milioni di dollari è davvero un falso

0

Portiamo un interessante messaggio relativo a uno dei franchise più amati dai nintendari. Si tratta infatti di Pokémon e Logan Paul.

Nel post qui sotto, possiamo apprendere che Logan Paul ha condiviso pubblicamente che il set di carte Pokémon JCC per cui ha pagato 3,5 milioni di dollari era finalmente un falso.

Ricordate che il popolare sito web di Pokémon Trading Card Game PokeBeach ha già messo in discussione l’acquisto di Logan Paul del set JCC, recentemente per un pagamento di 3,5 milioni di dollari. Poco dopo, Logan Paul ha confermato che avrebbe indagato e preso provvedimenti per vedere cosa era successo.

Ora ha finalmente rilasciato una dichiarazione in cui riconosce di essere stato truffato. Queste erano le sue parole :

Sono una persona super positiva, fratello, e sarò sempre quello che guarda il lato positivo e ci sto provando, ma questo è molto difficile. È molto triste per tutte le parti coinvolte, è triste per la comunità Pokémon: quanta roba fraudolenta c’è in giro? Sono grato per le cose che ho che sono reali ora, immagino il mio Charizard nella mia testa… qualcosa di reale, qualcosa che vale un sacco di soldi che è reale. Dannazione fratello, sono appena passato da undici scatole della prima edizione a cinque. Fanculo, fine della storia.

Hanno già avvertito che il prodotto Pokémon di Logan Paul potrebbe essere un falso

“Il caso del ‘set base’ da 3,5 milioni di dollari di Logan Paul potrebbe essere falso: la comunità Pokémon scopre prove significative”, ha avvertito PokéBeach qualche giorno fa. Lo hanno affermato perché la collezione sarebbe insolitamente numerata . “Tutte le scatole conosciute del Set Base vendute nel corso degli anni hanno avuto il codice prodotto WOC06033, che sia prima edizione o meno”, aggiungono.

“La scatola di Paul ha un’etichetta con il codice WOC060331E, che dovrebbe significare che è la prima edizione. Tuttavia, non ci sono esempi noti di un set base della prima edizione che abbia ‘1E’ nel suo codice prodotto”. Insieme a questo, il media outlet sostiene che il nastro usato da Wizards of the Coast negli anni ’90 è diverso nell’articolo di Logan Paul: “Il carattere e la spaziatura non corrispondono . Il testo nel riquadro di Paul non ha un punto fermo alla fine della frase e ‘Seal’ non è maiuscolo come nei prodotti autentici”

Cosa ne pensi? Sentitevi liberi di condividere la vostra opinione nei commenti.

Vía.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.