Rise of the Tomb Raider, tante tombe da esplorare!

0
Noah Hughes, direttore creativo di Rise of the Tomb Raider, torna a parlare ai microfoni di Gameinformer e svela nuovi dettagli sulla prossima avventura della nostra archeologa preferita

Stando a quanto affermato da Noah Hughes, le tombe non saranno solo belle da vedere, ma anche ricche di enigmi, molti dei quali richiederanno grande impegno e ingegno da parte del giocatore.

Rise of the Tomb Raider

Gran parte delle tombe saranno antiche e creeranno un effetto nostalgia per chi ha amato i primissimi capitoli della serie Tomb Raider. Addirittura, gli sviluppatori hanno cercato di creare tombe inesplorate, almeno fino all’arrivo di Lara. Infatti, sarà proprio lei la prima a mettervi piede. Secondo Noah, queste saranno quelle più difficili da esplorare e Lara non dovrà semplicemente aggirare o disattivare i sistemi di sicurezza delle tombe, ma dovrà anche manipolare l’ambiente in rovina a suo vantaggio, allo scopo di esplorare ogni angolo della tomba. Torneranno anche gli enigmi e i puzzle basati sulla fisica, i quali offriranno ai giocatori un ottimo livello di sfida, ma senza essere frustranti. Ovviamente, visitare le tombe avrà anche i suoi vantaggi e, oltre alla soddisfazione di averla completata, il giocatore otterrà delle ricompense.

Insomma, sembra che la Crystal Dynamics tenga molto ai propri fan e abbia deciso, quindi, di soddisfare le loro richieste. Ricordiamo che Rise of the Tomb Raider sarà inizialmente un’esclusiva Xbox One e Xbox 360. L’uscita è prevista verso la seconda metà del 2015.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.