[Impressioni] Atelier Sophie 2: L’alchimista del sogno misterioso

0

Come ogni anno, abbiamo avuto il grande piacere di aver realizzato una nuova avventura con i nostri alchimisti preferiti dei videogiochi. Tuttavia, questa occasione è molto speciale. Nel bel mezzo del 25° anniversario del franchise, abbiamo iniziato non incontrando di nuovo Ryza come molti fan si aspettavano, ma incontrando di nuovo un vecchio amico. Siamo rimasti tutti sorpresi quando Atelier Sophie 2: The Alchemist of the Mysterious Dream è stato annunciato. Tuttavia, è stato un evento molto piacevole. Ve ne abbiamo già parlato nel nostro passato incontro con Junzo Hosoi , ma la trilogia Mysterious è una delle più amate dai fan, e Sophie, insieme alla stessa Ryza, è uno dei personaggi più iconici del franchise. Quindi sentire che avremmo avuto una nuova avventura con lei come protagonista è stato un vero piacere.

Ora che siamo riusciti a mettere le mani sul gioco a poco più di un mese dalla fine, abbiamo tutti i dettagli. Di cosa parla il nuovo gioco? Quali nuovi personaggi incontreremo? Quali sono le principali novità del gameplay? Seguiteci attraverso le nostre impressioni sulla versione PC del titolo per scoprire tutti i segreti del titolo per la nostra prossima recensione. Possiamo dirvi una cosa prima che iniziate a leggere: questa volta, è una vera delizia!

Una nuova avventura per un vecchio amico

Come vi abbiamo detto prima, questa avventura ha come protagonista Sophie quando era ancora un’alchimista in erba . In altre parole, la trama si svolge tra la fine di Atelier Sophie e l’inizio di Atelier Firis. Tuttavia, quelli di voi che vogliono dare una possibilità al gioco e non hanno potuto provare il gioco originale, non hanno nulla da temere. Il titolo presenta un riassunto ben fatto che racconta gli eventi di Atelier Sophie, quindi non ci vorrà molto per entrare nel contesto e godere di ciò che questo nuovo gioco, ambientato in un mondo completamente nuovo, ha da offrire. Tutto sommato, anche se non è necessario aver giocato altri Atelier prima, vi consigliamo vivamente di dare una possibilità a la trilogia misteriosa, ancora di più ora che è disponibile su Nintendo Switch, per capire tutto il background di Atelier Sophie 2, sono giochi altamente consigliati!

Tornando all’argomento in questione, come vi abbiamo detto qualche mese fa, la nostra storia inizierà quando la giovane Sophie e la sua inseparabile Plachta scoprono un albero gigantesco che sembra proprio quello che Sophie aveva visto nei suoi sogni. Mentre si avvicinano, un vortice li inghiotte improvvisamente. Con Plachta irreperibile, Sophie si sveglia dopo essere caduta svenuta nel mondo di Erde Wiege . Un luogo scolpito da una presunta divinità dove le persone sono trasportate a causa di qualcosa in comune che le lega.. Confusa e disorientata, Sophie incontrerà personaggi completamente nuovi, tra cui Alette Claretie (interpretata dalla nota Aoi Yuki) e l’imponente Ramizel Erlenmeyer (doppiata dalla meravigliosa Rie Takahashi), che avrà un ruolo chiave nella trama come mediatore di ciò che sta accadendo in questo mondo di sogno.

Avendo fatto i conti con la sua situazione, la prima cosa che Sophie fa quando arriva a Erde Wiege è cercare la sua amica Plachta . Così, dopo una buona dose di ricerche, finisce a casa di una giovane alchimista interpretata da Yuka Iguchi che condivide il nome della sua amica, ma che è molto diversa per aspetto e personalità. Grazie a lei, Sophie avrà un atelier in cui rifugiarsi, per continuare a padroneggiare l’alchimia e, soprattutto, per ritrovare il suo amico perduto e trovare un modo per tornare a casa.

A livello di trama, la storia di Atelier Sophie 2 sembra interessante e molto mistica . Tutto questo è solo la premessa della storia, che viene raccontata lentamente, come spesso accade nel franchise Atelier, ma ne vale la pena. E, come sempre, vari colpi di scena e varie sorprese non mancheranno, quindi rimanete sintonizzati per futuri annunci di giochi!

Miglioramenti ovunque

Come è comune nella serie, Atelier Sophie 2 presenta ogni sorta di miglioramenti rispetto ai suoi predecessori. Per cominciare, possiamo tranquillamente dire che questo è il gioco più bello del franchise fino ad oggi. Tutti i modelli dei personaggi sono stati rifatti da zero con una tecnologia più avanzata, dando un risultato spettacolare. Artisticamente, i disegni dei personaggi sono colorati e hanno un aspetto fantastico. Questo è dovuto al ritorno di NOCO e Yuugen alla serie, illustratori che non lavoravano insieme sulla serie dall’uscita di Atelier Lydie & Suelle. Anche la colonna sonora, come previsto, si sta rivelando un grande successo.

Continuando con le nuove caratteristiche, dobbiamo evidenziare l’assenza di schermate di caricamento quando entriamo in combattimento , un grande miglioramento rispetto ad altri titoli che accelera il ritmo del gioco. Chiunque abbia giocato uno dei giochi precedenti saprà che dovremo affrontare parecchie battaglie, quindi questo è qualcosa di cui essere molto grati. In questo gioco sono state aggiunte anche nuove meccaniche, come il Dual Trigger , attacchi speciali eseguiti da due personaggi insieme che infliggono danni devastanti ai nemici. Nella nostra recensione, andremo più in dettaglio su questa meccanica e su tutto il gameplay che ha da offrire. Ma per ora, siamo abbastanza felici . Oltre a questi miglioramenti nel combattimento, dobbiamo aggiungere altri elementi che sono da accogliere con favore, come una modalità foto completa, tra molte altre possibilità.

Infine, cosa sarebbe un gioco Atelier senza l’alchimia? Questa versione introduce anche interessanti novità per quanto riguarda il sistema di sintesi degli oggetti, evolvendo quello che abbiamo trovato nella trilogia Mysterious con nuove caratteristiche. Ora, saremo in grado di rendere la vita più complicata quando sintetizziamo certe cose, ma saremo in grado di ottenere prodotti molto più potenti che mai. Come per il combattimento, entreremo più in dettaglio nella nostra recensione riguardo a tutto ciò che questa formula evoluta di alchimia in-game ha da offrire. Tuttavia, i nostri sentimenti sono positivi .

Conclusione delle nostre impressioni su Atelier Sophie 2

La nuova avventura di Sophie in un mondo strano ci lascia abbastanza soddisfatti. C’è ancora molto da esplorare e da spremere dal gioco, ma l’esperienza vale molto. Che siate già fan della trilogia Mysterious o meno, se vi piace la serie Atelier o siete attratti dalla sua premessa, questo titolo è probabilmente anche per voi. Detto questo, speriamo di poter condividere presto molto di più sul gioco, quindi tenetelo d’occhio!

Atelier Sophie 2: The Alchemist of the Mysterious Dream viene lanciato questo 25 febbraio su Nintendo Switch e altre piattaforme. Vi porteremo un video esclusivo del titolo molto presto. Inoltre, avrete anche sul sito la recensione della versione Nintendo Switch del gioco, così come un’ulteriore sorpresa che stiamo preparando e che riveleremo nei prossimi giorni.

Coloro che acquisteranno il gioco entro le prime due settimane dall’uscita potranno ottenere un abito Ryza per Sophie. Inoltre, un altro outfit per Ao, il protagonista di Blue Reflection: Second Light, sarà anche disponibile se avremo i dati per quel titolo sulla nostra console. Detto questo, come sempre, la serie Atelier continua a sorprendere, e non vediamo l’ora di mostrarvi di più di questo nuovo capitolo! Uno che, senza dubbio, sembra che abbia il potenziale per essere il migliore fino ad oggi.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.