Jennifer Lawrence rivela con quale co-star di Don’t Look Up è stato “difficile” girare

0

Jennifer Lawrence ha trovato “molto, molto difficile” girare con il “maestro comico” Jonah Hill.

La coppia recita insieme nel film satirico di fantascienza di Adam McKay, ‘Don’t Look Up’ – che racconta la storia di una cometa che sta per distruggere la Terra – e l’attrice 31enne ha ammesso che è stato difficile controllare le risate sul set con la stella comica 38enne.

In un’intervista con Vanity Fair, Jennifer ha ricordato come sia stato “veramente, veramente difficile filmare con Jonah, e semplicemente non rovinare ripresa dopo ripresa, ridendo”

Jennifer ha aggiunto che hanno avuto “un’intera giornata con lui che improvvisava insulti contro di me. È stato incredibile…[Jonah] e Meryl [Streep] erano gli unici che dovrebbero fare quel tipo di improvvisazione”

Lei è esplosa: “Voglio dire, lui è semplicemente un maestro comico”

Nel frattempo, il regista ha recentemente chiarito che ‘Don’t Look Up’ doveva contenere membri della troupe mascherati.

Dopo che il regista Ben Kohler ha postato la scena in questione su TikTok con il titolo “oopsy”, McKay ha rivelato che era intenzionale per documentare la “strana esperienza di ripresa” in mezzo alla pandemia globale.

Ha twittato accanto a una storia di E! “Buon occhio!

“Abbiamo lasciato quel blip della troupe apposta per commemorare la strana esperienza delle riprese”

McKay ha detto in precedenza che ci sono stati momenti in cui il film – che ha anche Leonardo DiCaprio – ha rispecchiato ciò che stava accadendo nel mondo reale, anche se il regista sente che si trattava di più della crisi del coronavirus.

Il regista di ‘Vice’ ha detto: “È stato davvero strano perché hai visto il film e conosci la premessa – molto è come Covid. Ogni terzo giorno ricevo messaggi dal nostro cast e dalla troupe che dicono: ‘Oh, mio Dio, questa scena del film è appena successa.’

“Ho avuto un momento in cui ho pensato: ‘Dobbiamo fare questo film?’ Ho preso in mano la sceneggiatura e mi sono reso conto che si leggeva in modo diverso. Il film non è mai stato su Covid; era tutto su come abbiamo profittato e distorto i mezzi con cui ci parliamo e comunichiamo. Era sempre sui social media, sul carrierismo e sull’avidità”.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.