Il principe William condanna i commenti “inaccettabili” fatti dall’aiutante reale

0

Il principe William ha condannato un aiutante reale per aver fatto commenti “inaccettabili” a un leader di beneficenza.

Mercoledì, l’attivista per gli abusi domestici Ngozi Fulani di Sistah Space ha scritto su Twitter che aveva “sentimenti contrastanti” riguardo a una recente visita a Buckingham Palace.

Fulani ha affermato che Lady Susan Hussey le ha ripetutamente chiesto da dove venisse in Africa, nonostante lei avesse spiegato di essere nata nel Regno Unito

Dopo che il reclamo è diventato virale online, Hussey si è dimesso dai doveri reali e si è scusato con Fulani.

E in risposta alla notizia, un rappresentante di William ha rilasciato una dichiarazione riguardante la sua madrina.

“Sono rimasto davvero deluso nel sentire l’esperienza dell’ospite a Buckingham Palace la scorsa notte”, ha dichiarato. “Ovviamente io non c’ero, ma il razzismo non ha posto nella nostra società. I ​​commenti erano inaccettabili, ed è giusto che l’individuo si sia fatto da parte con effetto immediato”.

Nel frattempo, un portavoce di Buckingham Palace ha insistito sul fatto che stavano prendendo l’incidente “estremamente sul serio”.

“Abbiamo contattato Ngozi Fulani su questo argomento e la stiamo invitando a discutere di persona tutti gli elementi della sua esperienza, se lo desidera”, hanno affermato. “Nel frattempo, la persona interessata desidera esprimere le sue profonde scuse per il dolore causato e si è allontanata dal suo ruolo onorifico con effetto immediato. Si ricordano a tutti i membri della famiglia le politiche di diversità e inclusione che sono tenuti a rispettare sostenere in ogni momento”.

William e sua moglie Catherine, principessa del Galles, sono attualmente a Boston, Massachusetts. Venerdì parteciperanno alla cerimonia del Premio Earthshot.

Hussey, 83 anni, è entrato a far parte della famiglia reale nel 1960 e ha servito come aiutante della regina Elisabetta II fino alla morte del monarca a settembre.

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.