James McAvoy ha rifiutato di fare la campagna per gli Oscar 2008 perché “si sentiva a buon mercato”

0

James McAvoy ha rinunciato alla campagna per un Oscar per il suo film Espiazione del 2007 perché “si sentiva a buon mercato”.

L’attore scozzese ha supportato il suo dramma L’ultimo re di Scozia e il suo co-protagonista Forest Whitaker durante la stagione dei premi 2006-2007 e i suoi occhi sono stati aperti allo slogan di mesi di chiacchiere e networking che ci si aspettava da loro.

Quando ha ricevuto il ronzio per Espiazione la stagione successiva, ha scelto di non ripetere più la trafila.

“(Con la campagna L’ultimo re di Scozia), mi è stato chiarito che lo stavo facendo a beneficio di altre persone. Ed ero totalmente d’accordo. Ma quando è arrivato Espiazione, avevo 26 o 27 anni , e io ho pensato, ‘Non posso farlo, non lo sto facendo, non voglio farlo'”, ha detto a GQ. “Non volevo recitare quella parte. Spingerò il film, cercherò di ottenere dei barboni sui sedili. Ma la campagna, mi sentivo … mi sentivo a buon mercato.”

Nonostante la sua decisione, il 43enne è comunque riuscito a ricevere nomination ai BAFTA e ai Golden Globe, ma non si sono trasformate in vittorie.

Riflettendo sulla sua carriera ora, McAvoy ha detto alla pubblicazione che “sta diventando longevo” e non si preoccupa più di prenotare ruoli che non sono divertenti o interessanti.

“Mi piace farlo, ma non amo la routine quotidiana del cinema e della televisione”, ha spiegato. “Anche se è una buona sceneggiatura, di certo non riesco a razionalizzare l’andare a lavorare alle cinque o alle sei del mattino e stare fuori fino alle otto di sera. Se il mio personaggio non ha una parte interessante nel raccontare quella storia è piuttosto distruttivo per l’anima. Sono sempre più alla ricerca di esperienze interessanti.”

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.