Ecco come vengono trattate le donne nei giochi multiplayer competitivi

0

Se cliccate su un link ed effettuate un acquisto, potremmo ricevere una piccola commissione. Leggi la nostra politica editoriale.

“La difficoltà maggiore di questi giochi non è il gameplay: è la cultura”

Un esperimento condotto da Women in Games Argentina ha rivelato quanto le donne siano realmente trattate nei giochi multiplayer competitivi.

Come condiviso dal TikToker KristaByte e poi twittato dalla streamer LuluLuvley, l’organizzazione ha incaricato tre giocatori professionisti di Valorant di collegarsi online e giocare come al solito, solo che a metà strada è stato chiesto ai giocatori di attivare i cambi di voce per farli sembrare più femminili

Eurogamer Newscast: Perché Sony è preoccupata per Call of Duty su PlayStation 6?

“Cosa pensate che succederebbe se gli uomini travestissero le loro voci in una lobby di Valorant da donne?” Ha chiesto Krista su TikTok.

“Women in Games Argentina ha deciso di provare questo esperimento. Hanno fatto giocare in una lobby tre giocatori professionisti di Valorant che erano uomini e che, nel bel mezzo della partita, hanno indossato dei cambiavoce per sembrare donne.

“L’esperimento si è svolto esattamente come si pensava. Man mano che questi ragazzi si accendevano la loro voce cambiava ogni parvenza di cooperazione – sul serio, [it went] fuori dalla finestra”

Gli uomini si sono visti rivolgere una serie di insulti sessisti e sono stati trollati per aver “giocato a un gioco da uomini”, cosa che, temo di dover dire, è ancora abbastanza comune per la maggior parte delle donne che attivano la chat vocale durante le partite multigiocatore (ed è il motivo per cui Non mi piace molto la chat di prossimità di Warzone/Modern Warfare 2).

Ma non è solo questo. L’esperimento ha rilevato che prima che gli uomini cambiassero la loro voce per ottenere un suono più femminile, uno dei giocatori ha accumulato 15 uccisioni e due morti in una partita. Nella partita successiva, invece, con il cambio di voce attivato, hanno avuto 16 morti perché “i giocatori maschi con cui stavano giocando nella lobby si rifiutavano di giocare con loro”.

Ecco un video che racchiude l’intera vicenda. Procedete con cautela, però; il linguaggio va dalla semplice maleducazione alla sgradevolezza e può essere sconvolgente

Perché cose come questa non vengono trattate di più? Women in Games Argentina ha pubblicato un esperimento con 3 professionisti di Valorant maschi che usano dei cambi di voce per mostrare le molestie che le donne subiscono nel mondo dei videogiochi. Il video completo è linkato nel tweet sotto questo pic.twitter.com/VuDAnieDcy

– Lulu (@LuluLuvely) 3 dicembre 2022

Uno dei partecipanti all’esperimento, Alfredo, ha dichiarato che “l’esperienza ti toglie davvero la voglia di giocare”, aggiungendo: “È qualcosa che non vuoi più fare. Non voglio immaginare di dover vivere quotidianamente un’esperienza del genere”. Un altro giocatore, Lucius, ha riferito di aver provato “indigestione e frustrazione”.

“Purtroppo questa è la realtà per la maggior parte delle donne che cercano di intraprendere una carriera o anche solo un hobby giocando a un gioco di esports”, ha concluso Krista. è per questo che le donne non si sentono in grado di intraprendere una carriera nel mondo dei videogiochi o degli esports, perché vengono trattate in questo modo”.

“La difficoltà maggiore di questi giochi non è il gameplay: è la cultura”

Leggi tutto

Commenta!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.