Zone of The Enders – The 2nd Runner: Recensione, Trailer e Gameplay

0

Contents

  1. Zone of The Enders – The 2nd Runner Recensione
  2. Zone of The Enders – The 2nd Runner Gameplay Trailer

Quando parliamo di Kojima è facile pensare a franchise come Metal Gear Solid o il recente “Death Stranding“, ma vi sono anche altri titoli prodotti dalla mente creativa di Hideo, tra questi Zone of the Enders, ed oggi vogliamo condividere con voi la nostra Recensione di The 2nd Runner, gentilmente concesso da Konami.

Zone of The Enders – The 2nd Runner Recensione

Zone of The Enders 2 ha luogo dopo gli eventi narrati nel precedente capitolo, un ricercatore di Metatron noto come Dingo Egreet durante uno scavo su Callisto, si imbatte in un giacimento dove scopre l’Orbital Frame, ma da li a poco la situazione si complica e centinaia di droni invadono il campo pronti a dare vita ad uno scontro caotico e frenetico.

L’introduzione si apre sia con cutscene realizzate come fossimo in una serie animata che in computer grafica. Come accaduto su PS3, anche il sequel su PS4 e PC presenta il medesimo lavoro svolto dal team per riportare alla luce una delle saghe dimenticate nel tempo.

Il gioco si presenta con i suoi 60fps ed una risoluzione 4K, permettendo al giocatore di affrontare l’avventura anche con il supporto dei visori di nuova generazione, immergendoci nella storia come fossimo realmente sul posto grazie alla realtà virtuale.

Essendo concepito come un action in terza persona, indossare il visore ci permetterà di avere una chiara visione dell’ambiente, a discapito della risoluzione su PS4. Tramite il lock automatico è possibile lasciare al gioco la gestione della camera, la quale sceglierà i bersagli di volta in volta, allo scopo di semplificare il gameplay ai nuovi giocatori.

La remastered in questione non aggiunge nulla in termini di contenuti, presentandosi con i medesimi dell’epoca ma con un comparto grafico HDizzato ed una fluidità di gioco permessa dagli hardware attuali, nonostante il titolo a volte sia affetto da lievi cali di frame rate o lunghi caricamenti.

Il sistema di controllo del Frame è completo e complesso, con gli stick analogici ci si sposta nello scenario mentre con i dorsali e i pulsanti azione si mira e spara i nemici con i molteplici attacchi disponibili.

Durante gli scontri è possibile infliggere attacchi dalla distanza o ravvicinati, con armi a lungo raggio come il cannone o laser a prese e armi da mischia per gli attacchi corpo a corpo. Se nel primo Zone of the Enders era possibile portare a termine l’avventura solo con armi e attacchi dalla distanza, nel sequel spesso ci ritroveremo a prendere parte a scontri ravvicinati.

Nel corso del gioco è possibile raccogliere programmi aggiuntivi, aggiornamenti extra per le armi. Rispetto il prequel il numero di nemici su schermo è decisamente maggiore, causando a volte dei lievi cali di frame oltre che scontri caotici alla Dynasty Warriors ma nei cieli.

Fendenti, mitragliate, razzi e laser danno vita ad uno spettacolo pirotecnico con esplosioni a catena. Le missioni spaziano dall’eliminazione dei nemici al salvataggio di un compagno o difesa delle zone civili.

Non mancano all’appello boss da sconfiggere in combattimenti individuali, utilizzando l’ambiente circostante a proprio vantaggio.

Se avete apprezzato il prequel, allora non potete lasciarvi sfuggire il secondo capitolo, se come nel nostro caso siete cresciuti con Zone of the Enders, noterete fin da subito le migliorie grafiche e tecniche apportate a questa nuova remastered, nonostante risulti fedele all’originale in contenuti.

L’aggiunta della realtà virtuale rende l’esperienza di gioco più interattiva e immersiva che mai, realizzando un sogno che molti di noi hanno oramai da tempo, salire a bordo di un mech.

Zone of The Enders – The 2nd Runner Gameplay Trailer

  • 8/10 Grafica – 8/10
  • 8/10 Gameplay – 8/10
  • 8/10 Sonoro – 8/10
  • 8.4/10 Trama – 8.4/10
  • 7.7/10 Longevità – 7.7/10

8/10

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.