Soul Calibur VI: Nuovi lottatori si aggiungono al roster

0

Contents

  1. Nuovi lottatori per Soul Calibur VI

Bandai Namco annuncia ufficialmente nuovi lottatori per il roster di Soul Calibur VI, ossia Grøh, Xianghua, Kilik e Nightmare, che saranno presenti fin dal lancio del gioco, atteso per il 2018 su PS4, Xbox One e PC Steam.

Nuovi lottatori per Soul Calibur VI

La grande devozione di Grøh per i suoi studi e il suo addestramento gli ha consentito di ottenere un posto tra i Dodici di Aval. Tuttavia, dopo il suo fallimento con l’Azure Knight, ha perso la sua posizione nell’organizzazione. Per ora alcuni conflitti interni in Aval hanno ritardato la sua punizione, ma se Grøh spera di proteggere il suo diritto di impugnare la Arondight, dovrà dimostrare ancora una volta la sua forza.

Xianghua ha imparato a impugnare la spada da sua madre, Xiangfei, e sempre da lei ha ereditato una spada di inestimabile valore. Quand’era bambina, è stata letteralmente rapita dalla bellezza della madre mentre si esercitava con la spada. Xianghua ha aggiunto le proprie mosse alle varie tecniche, sviluppando uno stile personale che fa meno affidamento sulla necessità di atterrare il proprio avversario con attacchi diretti e affidandosi maggiormente alle finte, cercando quindi di infliggere un colpo decisivo solo quando l’avversario abbassa leggermente la guardia. La bellezza e la grazia letale dei suoi movimenti sembrano quasi passi di danza con la spada, e sono in grado di conquistare persino i suoi avversari!

Fin da quando la tragedia portata dal seme del male si è abbattuta su Ling-Sheng Su, Kilik ha tenuto la Kali-Yuga saldamente al suo fianco. Come successore finale delle tecniche di Ling-Sheng Su, si è dedicato al suo addestramento e ora studia tecniche esoteriche sotto la guida di un guerriero leggendario, Edge Master.

Affrontando Nightmare, non bisogna mai dimenticarsi che è in grado di scatenare almeno in parte il potere della spada. Se ci riesce, occorre prepararsi per un colpo letale, volto a uccidere istantaneamente il proprio avversario. Le anime di coloro che sono stati uccisi e divorati dalla spada sono come libri che vengono aggiunti alla libreria apparentemente infinita di stili di combattimento della lama. Esiste qualcuno in grado di fermare il fiume di sangue che questa spada lascia alle sue spalle?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Per favore inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.